In tre anni Bimbo Store ha triplicato il fatturato
3784
single,single-post,postid-3784,single-format-standard,edgt-core-1.1.1,ajax_fade,page_not_loaded,boxed,,vigor-ver-1.4, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,overlapping_content,wpb-js-composer js-comp-ver-4.5.2,vc_responsive

In tre anni Bimbo Store ha triplicato il fatturato

Due giovani imprenditori oggi quarantenni festeggiano il decennale dell’inizio di un’ avventura: Bimbo Store.

Era il 2003 quando a Piacenza e a Mornago, piccolo centro in provincia di Varese, nasceva l’intuizione di aprire negozi per l’infanzia che in un solo esercizio fossero capaci di offrire alla clientela tutta la tipologia di prodotti, dal premaman, e dai vestiti per i neonati fino alle scarpe per le prime carmminate. Tutto a distanza di pochi scaffali.

Adesso il sistema è più diffuso, ma dieci ani fa l’idea era decisamente innovativa. Da qui parte la crescita. Nel 2010 con 30 milioni di ricavi, l’azienda arriva ad avere 12 punti vendita (9 diretti e 3 in franchising). Ha un ebitda pari al 6 per cento dei ricavi e una posizione finanziaria netta vicina allo zero.

Un successo, ma i due titolari capiscono che per fare il salto serve un apporto di capitali. Che non siano bancari. Così aprono al private equity. L’ obiettivo è triplicare il fatturato e i punti vendita. All’epoca l’ad di Bimbo Store Mirko Favari dichiara: « L’accordo con Quadrivio Sgr ci consente di organizzarci e concentrarci sulla crescita>>.

L’ operazione viene condotta sulla base di un enterprise value di circa 11 milioni e l’investimento di Quadrivio è stato fatto tutto in equity per lasciare spazio di manovra a futuri investimenti con l’apertura di nuovi punti vendita. L’ obiettivo del piano industriale è di triplicare i ricavi arrivando a 100 milioni di fatturato in 5 anni.

Oggi a tre anni di distanza i punti vendita sono 35, 18 diretti e 17 in franchising. Triplicati i dipendenti e il giro d’affari tocca quasi i 100 milioni di euro. Se i fornitori sono rimasti gli stessi, a fare la differenza sicuramente l’economia di scala e la capacità di avviare politiche commerciali più complesse. Compresa la capacità di offrire ai fornitori una piattaforma di lancio per nuovi prodotti.

Nel 2013 nel comparto dell’abbigliamento bambino non si sono registrati cali di fatturato. Bimbo Store ha mantenuto un +10% nelle vendite, prevede 14 nuove aperture nei prossimi 18 mesi e ragiona sul lancio del proprio brand.

In tre anni Bimbo Store ha triplicato il fatturato