Boutique finanziarie a caccia di alternativi
4473
single,single-post,postid-4473,single-format-standard,edgt-core-1.1.1,ajax_fade,page_not_loaded,boxed,,vigor-ver-1.4, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,overlapping_content,wpb-js-composer js-comp-ver-4.5.2,vc_responsive

Forum In previdenza 2016

Negli ultimi anni l’andamento delle Pmi italiane é stato influenzato dal rallentamento del mercato di credito. In parallelo il mercato del private equity ha invece continuato a crescere.

Mai come in questi tempi l’investimento nella economia reale e quindi nel tessuto imprenditoriale ha rappresentato una grande opportunità di diversificazione e incremento dei rendimenti per gli investitori istituzionali.

Nel 2015 l’attività dei fondi di private equity in Italia ha di nuovo segnato una crescita significativa: oltre 200 nuovi investimenti per 4,5 Miliardi. L’apporto del private equity non va però valutato solo dal punto di vista economico-finanziario ma anche in termini di occupazione, miglioramento organizzativo e gestionale e sviluppo del tessuto imprenditoriale anche a livello internazionale. L’esperienza di Quadrivio, che investe nelle Pmi italiane dal 2000 lo conferma: le società partecipate hanno visto un incremento del 43% del fatturato totale, una crescita media dell’Ebitda del 39% e del tasso occupazionale del 66%.

Fonte: IlSole24Ore

Leggi l’articolo

D-Orbit, la startup italiana operante nel settore spaziale in particolare nell’ambito del recupero di satelliti spaziali (decommissioning), annuncia il closing di un nuovo round di investimento. Nessuna disclosure sulle cifre. – See more at: http://it.startupbusiness.it/news/d-orbit-startup-spaziale-chiude-un-nuovo-round-con-quadrivio-capital-e-como-venture#sthash.YtFf90YH.dp