Gli amplificatori McIntosh dall'Italia alla Francia
3809
single,single-post,postid-3809,single-format-standard,edgt-core-1.1.1,ajax_fade,page_not_loaded,boxed,,vigor-ver-1.4, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,overlapping_content,wpb-js-composer js-comp-ver-4.5.2,vc_responsive

Gli amplificatori McIntosh dall’Italia alla Francia

Fonte: Il Sole24 ore

ilsole24ore

 

 

 

 

 

Sono stati controllati per 7 anni dal gruppo finanziario Quadrivio. Ora i manager del fondo, cioè Alessandro Binello e Walter Ricciotti, hanno deciso di cederli in Francia a Lbo France: un private equity d’Oltralpe.

L’operazione riguarda gli amplificatori del gruppo italiano Fine Sounds che a propria volta controlla l’americana McIntosh, comprata nel 2012 e famosa per aver diffuso il rock sui prati del concerto di Woodstock.

Fine Sounds ha visto il proprio fatturato salire in pochi anni da 10 a 80 milioni di dollari (con un Mol di 15 milioni). Il prezzo messo sul piatto da Lbo sarebbe superiore ai 100 milioni di euro, un multiplo di 9 volte il Mol. Insomma, un bel guadagno per Quadrivio, che nel 2007 aveva speso per l’azienda 40  milioni.

Fonte: Il Sole 24 Ore
Gli amplificatori McIntosh dall’Italia alla Francia