Il Private Equity risuona con le casse di Sonus Faber
3777
single,single-post,postid-3777,single-format-standard,edgt-core-1.1.1,ajax_fade,page_not_loaded,boxed,,vigor-ver-1.4, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,overlapping_content,wpb-js-composer js-comp-ver-4.5.2,vc_responsive

Il Private Equity risuona con le casse di Sonus Faber

Fonte: Il Sole24 ore

ilsole24ore

 

 

 

 

 

In un mercato del private equity che prova a risalire la china, dopo due anni terribili, fanno notizia di dossier che richiamano interesse non solo in Italia ma anche all’estero.

Uno di questi dossier è quello di Sonus Faber, un’azienda di Vicenza che dopo l’ingresso del fondo Quadrivio nel 2007 è diventato uno dei leader mondiali nel settore delle casse acustiche.

Il grande salto c’è stato soprattutto lo scorso anno con l’acquisizione del marchio storico statunitense McIntosh Laboratory, il più importante produttore americano di sistemi ad alta fedeltà, leader mondiale nei sistemi di home entertainment. Sonus Faber sarebbe entrato nel radar di gruppi stranieri e di fondi di private equity internazionali.

Ora Quadrivio, la sgr che lo scorso anno ha rilevato le attività di Fondamenta, starebbe valutando cosa fare di fronte alle avance estere per la controllata che attualmente può vantare un fatturato complessivo attorno ai 100 milioni di euro.

Fonte: Il Sole 24 Ore
Il Private Equity risuona con le casse di Sonus Faber