Made in Italy Fund tramite Prosit punta a polo del vino, subito due acquisizioni - Alessandro Binello
4851
single,single-post,postid-4851,single-format-standard,edgt-core-1.1.1,ajax_fade,page_not_loaded,boxed,,vigor-ver-1.4, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,overlapping_content,wpb-js-composer js-comp-ver-4.5.2,vc_responsive

Made in Italy Fund tramite Prosit punta a polo del vino, subito due acquisizioni

Made in Italy Fund ha acquisito Prosit e punta a creare un polo di cantine italiane di fascia premium e super premium.

Prosit, società fondata da Sergio Dagnino, si legge in un comunicato, mira ad arrivare a un fatturato di oltre 100 milioni di euro nell’arco di tre, quattro anni.

Torrevento, azienda vitivinicola pugliese di fascia premium con 12 milioni di fatturato, è la prima società entrata a far parte di Prosit. La seconda è Collalbrigo Grandi Vini, azienda del Prosecco.

Walter Ricciotti (nella foto), managing partner di Quadrivio & Pambianco, sottolinea che “il comparto vitivinicolo in Italia è oggi al primo posto nell’agroalimentare italiano per fatturato estero e rappresenta il 10% del fatturato totale”.

Nell’operazione, Stout Italia, con Simone Bassanini, ha agito quale advisor finanziario di Prosit.

Fonte: financecommunity.it