Made in Italy Fund va al controllo delle borse gioiello Rosantica

Made in Italy Fund, fondo di private equity promosso e gestito da Quadrivio Group e Pambianco, ha acquisito il 60% di Rosantica, azienda italiana specializzata nella creazione e produzione di borse gioiello e accessori (si veda qui il comunicato stampa). L’operazione è stata realizzata attraverso il veicolo Fine Sun, lo stesso che controlla il produttore italiano di capi in lino e fibre naturali 120%lino, al fine di sfruttare al meglio le molteplici sinergie tra i due brand. A tal fine, Mauro Grange, già ceo di 120%lino, ricoprirà lo stesso ruolo anche in Rosantica.

Per gli aspetti legali Quadrivio & Pambianco è stata supportata dallo Studio Pedersoli. La due diligence contabile e fiscale è stata condotta da EY. Rosantica è stata invece assistita dal punto di vista legale da K&L Gates. Advisor del venditore sono stati lo Studio Barbara Giannelli e Laura Terenzi.

Fondata nel 2010 su iniziativa e intuizione di Michela Panero, Rosantica distribuisce i suoi prodotti principalmente ai canali wholesale e on-line. Le sue collezioni sono in vendita presso le migliori boutique a livello internazionale, tra cui Harrods, Selfridges e Browns Fashion a Londra; Saks 5th a New York e Lane Crawford e On Pedder in Asia. Il marchio registra una significativa presenza anche online, dove è distribuito da prestigiosi retailer come Net-a-porter, Matchesfashion e LuisaViaRoma. La società ha chiuso il 2019 con ricavi per 3 milioni di euro, un ebitda di 955 mila euro e una liquidità netta di 729 mila euro (si veda qui l’analisi di Leanus, una volta registrati gratuitamente).

Mauro Grange, nuovo ceo di Rosantica e ha così commentato l’operazione: “Sono molto felice di questa recente acquisizione e dell’intesa nata con Michela Panero, che porterà grande valore al nostro gruppo. 120%lino e Rosantica sono aziende che si integrano perfettamente tra loro per management, prodotto e distribuzione. In particolare sui mercati internazionali dove 120%lino è ogni giorno sempre più presente. Con questa acquisizione confermiamo la nostra vocazione nel trovare grandi eccellenze del Made in Italy e valorizzarle internazionalmente”.

Michela Panero, presidente di Rosantica, ha aggiunto: “Credo che con l’ingresso dei nuovi soci, Rosantica potrà avvalersi delle competenze di figure manageriali di alto livello in grado di supportare la crescita e lo sviluppo del brand. Sono felicissima di questa unione e di avere la possibilità di continuare a valorizzare il Made in Italy, insieme a Made in Italy Fund”.

Walter Ricciotti, ceo di Quadrivio Group, ha spiegato: “Attraverso il nostro investimento e avvalendoci del know-how del nostro management, intendiamo sostenere Michela Panero e il suo progetto, affiancando Rosantica nel perseguimento della sua strategia di sviluppo. Il nostro obiettivo è consolidare il posizionamento del brand e accrescerne la riconoscibilità e la credibilità a livello internazionale.”

Rosantica rappresenta il quinto investimento di Made in Italy Fund e il secondo nel segmento moda, a 2 anni di distanza dall’acquisizione di 120%lino (si veda altro articolo di BeBeez). Le altre aziende in portafoglio a Made in Italy Fund sono: MOHD, azienda italiana attiva nella vendita e nella distribuzione online di arredamento di alta gamma (si veda altro articolo di BeBeez); il produttore italiano di dermocosmetici di alta gamma Rougj (si veda altro articolo di BeBeez); l’azienda italiana del settore vitivinicolo Prosit (si veda altro articolo di BeBeez).

Made in Italy Fund, che investe in pmi italiane operanti nei settori moda, agroalimentare, design e bellezza, è stato in lanciato da Quadrivio Group in joint venture con Pambianco Strategie d’impresa nell’ottobre 2018 (si veda altro articolo di BeBeez). Il fondo è gestito dalla lussemburghese Q Group, parte di Quadrivio Group, la holding di Binello e Ricciotti a cui fanno capo anche la londinese Quadrivio International e il 70% di Quadrivio Italia (il restante 30% è di Futura Invest), tramite la quale i due manager controllavano anche Quadrivio Capital sgr, prima di cederla a Green Arrow Capital lo scorso maggio (si veda altro articolo di BeBeez). Made in Italy Fund, il cui team di gestione comprende, oltre a Pambianco, Binello e Ricciotti, anche Alessio Candi e Mauro Grange,  ha un target di raccolta di 200 milioni di euro.

Fonte: Bebeez.it