Made in Italy D-Orbit: satellite spazzino pronto per mercato
3756
single,single-post,postid-3756,single-format-standard,edgt-core-1.1.1,ajax_fade,page_not_loaded,boxed,,vigor-ver-1.4, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,overlapping_content,wpb-js-composer js-comp-ver-4.5.2,vc_responsive

Made in Italy D-Orbit: satellite spazzino pronto per mercato

Fonte: Impresa mia

impresa-mia

E’ una giornata memorabile e piena di successi per la giovane società tutta italiana, D-Orbit, lo “spazzino spaziale”: al cosmodromo di Yasny, nella regione dell’Orenburg in Russia è stato lanciato, attraverso il vettore russo ucraino Dnepr, Alice-2 il “cervello” del dispositivo di de-orbiting realizzato da D-Orbit.

Allo stesso tempo, dall’altro lato del pianeta, a Los Angeles, D-Orbit viene premiata, alla Red Herring Top 100 Global Competition, per essere tra le 100 aziende al mondo più innovative e promettenti.

D-Orbit è una startup fondata nel 2011 da un gruppo di quattro giovani ingegneri aerospaziali: Luca Rossettini (Ceo); Renato Panesi (Coo); Giuseppe Tussiwand (Cto); Thomas Panozzo (Cmo).
La società, con sede in Italia – a ComoNExT Parco Scientifico Tecnologico di Lomazzo in provincia di Como – e negli Stati Uniti, sviluppa un dispositivo che offre agli operatori satellitari la possibilità di estendere la vita operativa dei propri satelliti consentendone, al termine della missione, una rimozione sicura, veloce e controllata, evitando che diventino “space debris”.

A questo si aggiunge un triplice vantaggio:

  1. Aumento della vita utile di un satellite (da 20% a 80%) in caso di fallimento del lancio;
  2. Il dispositivo è completamente autonomo dal satellite su cui è installato, pertanto non ne utilizza le risorse;
  3. Il costo del dispositivo è inferiore dell’1% del costo di realizzazione di un satellite e consente operazioni di deorbiting molto più convenienti di quelle realizzate al giorno d’oggi.

L’aumento sistematico della concentrazione di oggetti non più operativi attorno alla Terra mette pericolosamente a rischio lo sviluppo futuro delle attività nello spazio e pone tutta la società in pericolo a causa di possibili rientri incontrollati sulla Terra.
Oggi, essendo l’attività di D-Orbit volta a contenere il fenomeno degli space debris, insieme ad Alice-2 vola nello spazio il concetto di sostenibilità e di preservazione dello spazio per le future generazioni.

D-Orbit dimostra di aver trovato la giusta ricetta per il successo e il riconoscimento ricevuto negli Usa nel giorno più bello, quello della dimostrazione in orbita, premia il lavoro di tutto il team. Una tappa importante che facilita l’ingresso del dispositivo di D-Orbit nel mercato, che garantisce un accesso pulito e sicuro allo spazio.

Per D-Orbit cresce, così, la visibilità mondiale, l’attenzione verso la tecnologia, la credibilità nel business e si aprano le porte al mercato di riferimento senz’altro pronto ad investire su un prodotto innovativo , economicamente vantaggioso e di utilità sociale.

Fonte: Impresa mia
Visualizza Articolo