Marchionne investe negli amplificatori di Hendrix
3525
single,single-post,postid-3525,single-format-standard,edgt-core-1.1.1,ajax_fade,page_not_loaded,boxed,,vigor-ver-1.4, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,overlapping_content,wpb-js-composer js-comp-ver-4.5.2,vc_responsive

Marchionne nel business degli amplificatori del rock di Woodstock

Sergio Marchionne “suona” con gli amplificatori più famosi della storia del rock.

L’ amministratore delegato della Fiat, infatti, investendo circa 400 mila euro è entrato con una piccola quota nel capitale di Fine Sounds, gruppo controllato da Quadrivio sgr che produce e commercializza  diffusori acustici e amplificatori di marchi noti  agli appassionati di musica come Sonus Faber, Audio Research, Wadia e McIntosh. Quest’ultima, comprata con un investimento di 40 milioni, è l’azienda americana di amplificatori famosa per aver diffuso il rock di Jimi Hendrix e Janis Joplin durante il primo, storico festival di Woodstock.

L’entrata di Marchionne nel capitale è avvenuta in occasione di un aumento di capitale di Fine Sounds del controvalore di 6,1 milioni deliberato a fine 2012, che prevedeva l’emissione di 3.870 nuove azioni ciascuna per un valore complessivo, tra nominale e sovraprezzo, di 1.682 euro.

L’investimento del numero uno del gruppo automotive è ancor più significativo se si considera che nel consiglio d’amministrazione di Fine Sounds è entrato uno dei manager più vicini a Marchionne: Alfredo Altavilla, che guida la regione Emea di Fiat/Chrysler.

Fine Sounds, che ha come obiettivo la quotazione e nel 2012 ha realizzato un fatturato di circa 35 milioni, è presieduta da Galeazzo Scarampi del Cairo, che è anche presidente del comitato di investimenti di Quadrivio sgr ed ex manager proprio di area Fiat, visto che è stato vicepresidente di Ifint Usa e presidente di Exor Asia.

Fonte: Milano Finanza
Marchionne-investe-negli-amplificatori-di-Jimi-Hendrix