Boutique finanziarie a caccia di alternativi
4475
single,single-post,postid-4475,single-format-standard,edgt-core-1.1.1,ajax_fade,page_not_loaded,boxed,,vigor-ver-1.4, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,overlapping_content,wpb-js-composer js-comp-ver-4.5.2,vc_responsive

Perchè in Italia ci sono pochi soldi per le startup? Manca la cultura, mancano i capitali, mancano le buone startup?

Elisabeth Robinson – Quadrivio (TT Venture)

Robinson-E-200x300

Il trend è molto buono, il mondo del venture capital in Italia è cambiato notevolmente negli ultimi 5-7 anni e la qualità del deal flow è nettamente migliorato. Sono nati anche molti operatori, ma quasi tutti in ambito di seed round. Quello che è cambiato molto poco è il numero degli operatori istituzionali e la mancanza di capitali per round “venture” come TT Venture 2. (TT Venture 2, nuovo fondo di Quadrivio con obiettivo di raccolta di € 100 Mln, ndr). Culturalmente manca l’approccio filiera tipico del DNA italiano.

Elisabeth Robinson – E’ l’investment director del team venture capital in Quadrivio, dove è entrata nel 2014. Con oltre 20 anni di esperienza nel Venture Capital, è anche business angel associato IAG.

Fonte: StartupBusiness

Leggi l’articolo

D-Orbit, la startup italiana operante nel settore spaziale in particolare nell’ambito del recupero di satelliti spaziali (decommissioning), annuncia il closing di un nuovo round di investimento. Nessuna disclosure sulle cifre. – See more at: http://it.startupbusiness.it/news/d-orbit-startup-spaziale-chiude-un-nuovo-round-con-quadrivio-capital-e-como-venture#sthash.YtFf90YH.dp