Fondi: Quadrivio punta entro fine anno a una decina di operazioni
4648
single,single-post,postid-4648,single-format-standard,edgt-core-1.1.1,ajax_fade,page_not_loaded,boxed,,vigor-ver-1.4, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,overlapping_content,wpb-js-composer js-comp-ver-4.5.2,vc_responsive

Quadrivio acquisisce il 70% di Farmol, leader europeo nel settore dei prodotti per il personal e home care

Il terzo fondo di Quadrivio nel Private Equity ha completato l’acquisizione del 70% di Farmol, leader europeo nella produzione di prodotti a base aerosol e a base liquida per il settore dell’igiene personale e dell’home care.

Il Venditore, ovvero la famiglia Innocenti, ha reinvestito nella societa` mantenendo una partecipazione pari al 30% del capitale sociale.

La società opera in questo settore dal 1946 e fornisce le principali multinazionali a livello europeo, realizzando con i suoi quattro impianti produttivi un fatturato complessivo superiore agli 80 milioni, di cui oltre il 75% viene realizzato all’estero. Farmol spa ha chiuso il 2015 con ricavi per 69 milioni.

Nell’operazione Quadrivio e` stata assistita da Legance – Avvocati Associati con un team guidato dal socio Piero Venturini coadiuvato dal counsel Andrea Botti e dall’associate Paolo Antonio Mulas per i profili legati all’acquisizione. Gli aspetti legati al finanziamento sono stati seguiti dal socio Guido Iannoni Sebastianini e dalla senior associate Beatrice Zilio.

Lo studio Schoenherr ha seguito gli aspetti di diritto slovacco e ungherese e lo studio Russo DeRosa Associati gli aspetti tributari dell’intera operazione, con un team composto da Alberto Russo, Luca Mainardi e Paolo Serafin.

La famiglia Innocenti e` stata assistita da Deloitte Financial Advisory e dall’avvocato Cesare Vecchio per i profili legali.

L’operazione è stata finanziata da Intesa Sanpaolo e Cariparma con Banca IMI quale banca agente e arranger, assistite da Simmons & Simmons con un team coordinato dal socio Davide D’Affronto, coadiuvato dal managing associate Alessandro Elisio e dalla trainee Elisabetta Tafuro.

Fonte: Aziendabanca.it

Leggi l’articolo