Quadrivio lancia fondo di fondi europei. Vende Lo Scoiattolo

Due nuovi fondi e un ulteriore disinvestimento sono stati annunciati ieri a Milano dai vertici diQuadrivio sgr, in occasione l’investor meeting annuale della società di gestione di fondi alternativi, al quale hanno partecipato anche il presidente dell’Ania, Maria Bianca Farina, il ceo di Intesa Sanpaolo, Carlo Messina, e il presidente della Fondazione Cariplo, Giuseppe Guzzetti (scarica qui il comunicato stampa).

L’annuncio segue quello di lunedì scorso circa la joint venture con Intesa Sanpaolo nel venture capital (si veda altro articolo diBeBeez) e quello di mercoledì relativo alla vendita al gruppo Coesia della partecipata Emmeci (si veda altro articolo di BeBeez).

Sul fronte dei disinvestimenti, infatti, nei giorni scorsi, il fondo di private equity Quadrivio ha rivenduto all’imprenditore la sua quota del 42%  del Raviolificio Lo Scoiattolo, terzo produttore in Italia nel settore della pasta fresca liscia e ripiena, con un’importante presenza all’estero,  in cui aveva investito quattro anni fa. Lo Scoiattolo nel 2015 ha fatturato circa 30 milioni di euro con un ebitda pari al 10%.

Quanto ai nuovi fondi, ieri Alessandro Binello e Walter Ricciotti, presidente e amministratore delegato dell’sgr, hanno annunciato il lancio di un nuovo fondo di fondi di private equity europei con target 200 milioni in partnership con lo specialista paneuropeoAccess Capital Partners. Si tratterà di un fondo che investirà in fondi di mid market in tutta Europa, ma non in Italia, visto per il nostro Paese l’sgr ha già attivo un fondo dedicato. L’sgr ha poi appena lanciato con Mainstreet Partners un fondo dedicato all’investimento in società finanziarie e banche quotate sui mercati emergenti, battezzato Investment impact.

Quadrivio ha ormai raggiunto dimensioni molto importanti nel panorama dei gestori di fondi alternativi in Italia, con un team di 60 professionisti e ben 1,2 miliardi di asset in gestione spalmati su fondi di private equity diretti, fondi di fondi, fondi di venture capital, un fondo di private debt, un fondo dedicato alle energie alternative e un fondo dedicato al microcredito.

Fonte: Bebeez.it

Leggi l’articolo

D-Orbit, la startup italiana operante nel settore spaziale in particolare nell’ambito del recupero di satelliti spaziali (decommissioning), annuncia il closing di un nuovo round di investimento. Nessuna disclosure sulle cifre. – See more at: http://it.startupbusiness.it/news/d-orbit-startup-spaziale-chiude-un-nuovo-round-con-quadrivio-capital-e-como-venture#sthash.YtFf90YH.dp