Ricciotti: “Al private equity piace il beauty” - Alessandro Binello
4793
single,single-post,postid-4793,single-format-standard,edgt-core-1.1.1,ajax_fade,page_not_loaded,boxed,,vigor-ver-1.4, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,overlapping_content,wpb-js-composer js-comp-ver-4.5.2,vc_responsive

Ricciotti: “Al private equity piace il beauty”

“Il mercato della bellezza è uno dei più interessanti oggi per il private equity – ha sottolineato Walter Ricciotti, partner di Made in Italy Fund in occasione del 3° Beauty Summit Pambianco organizzato con Condé Nast Italia, in collaborazione con Pwc, presso la sede di Borsa Italiana – a cui noi come Made in Italy Fund stiamo guardando in particolare. Sarà infatti uno dei 4 settori su cui investiremo. Il beauty è un settore estremamente interessante perchè ha tante caratteristiche che piacciono al private equity: sono aziende con una forte vocazione internazionale, un’elevata redditività e dove c’è molto innovazione, un settore molto frammentato e dove si può fare consolidamento, che è uno dei valori principali che porta il private equity quando investe nelle aziende insieme agli imprenditori”.

Dopo l’investimento nel marchio 120% Lino, il fondo si prepara a investire in nuove operazioni. “Abbiamo due esclusive in corso  – ha proseguito il manager – una nel settore del design/arredamento e una nel wine & food. Inoltre stiamo valutando varie operazioni del beauty e entro la fine dell’anno potremmo portare a termine la prima acquisizione anche in questo settore”.

Fonte: Pambianco Beauty