Made in Italy Fund compra Dondup

Dopo aver acquisito la maggioranza del brand GCDS meno di cinque mesi fa, il Made in Italy Fund si ripete, mettendo le mani su Dondup. Il fondo d’investimento guidato dalla società di gestione Quadrivio Group, in joint venture con l’agenzia di comunicazione Pambianco, compra dal fondo L Catterton (legato al gruppo francese LVMH) l’etichetta marchigiana di prêt-à-porter contemporary.

Il direttore generale di DondupMatteo Anchisi, arrivato nel gennaio 2019 alla testa dell’azienda, entra anche nel capitale del marchio. L’ammontare dell’operazione non è stato rivelato, né i dettagli delle partecipazioni dei nuovi azionisti. Made in Italy Fund, che investe principalmente in piccole e medie imprse italiane d’eccellenza nei settori della moda, del food, della bellezza e del design, annuncia nell’occasione che la sua raccolta di fondi disponibili passa da 200 milioni di euro, dei quali il 70% è già stato investito, a 300 milioni.

Si tratta del settimo investimento del fondo, e del quarto nella moda, dopo l’acquisizione, avvenuta a fine 2020, del marchio di streetwear di lusso GCDS, quella nel 2018 di 120% Lino, produttore bolognese di vestiti in lino e fibre naturali, e l’acquisto nel settembre 2020 del 60% di Rosantica, marchio di borse, gioielli e accessori preziosi.

“Questa nuova operazione rappresenta una tappa supplementare nella strategia del gruppo finalizzata alla creazione di un polo della moda”, indica in un comunicato Mauro Grange, amministratore delegato del gruppo Quadrivio.

Il marchio Dondup è stato fondato nel 1999 a Fossombrone, nelle Marche, dalla stilista Manuela Mariotti e da suo marito, l’imprenditore Massimo Berloni. Marchio di ready-to-wear inizialmente specializzatosi nel denim puntando su qualità ed indossabilità dei suoi jeans e sulla ricerca nei materiali e nelle tinture, Dondup ha poi ampliato la propria offerta evolvendosi verso un total look per uomo, donna e bambino con una produzione al 100% fatta in Italia. Nel 2010 ha aperto il capitale a L Catterton, che ne ha acquisito il controllo nel 2015 salendo fino al 91% del suo capitale sociale.

Nel 2020 Dondup ha registrato un fatturato di 52,6 milioni di euro, il 65% ricavato sui mercati esteri, ed ottenendo un Ebitda di 14,2 milioni di euro. Distribuito principalmente a livello wholesale, il brand possiede un solo negozio monomarca, a Milano, nell’elegantissima Via della Spiga.

“L’acquisizione da parte di Made in Italy Fund intende sostenere lo sviluppo dell’azienda attraverso un piano d’espansione internazionale che porrà l’accento sull’Europa e il mercato statunitense, dove 120% Lino e Rosantica sono già presenti in maniera strutturata”, precisa il fondo nel suo comunicato. Questi intende anche “promuovere e rafforzare il posizionamento di Dondup attraverso una strategia di comunicazione mirata che consolidi la sua notorietà e identità di marca, trsformandolo in marchio aspirazionale”.

In programma: l’apertura di negozi nelle principali capitali europee ed internazionali, il rafforzamento e lo sviluppo del canale online, e una maggiore attenzione al tema della sostenibilità. In quest’ottica verrà creato un centro dedicato al riciclo, al recupero e alla rivendita di prodotti in denim.

Fonte: It.fashionnetwork.com